Vita Sorte e Miracoli
Lavori in Corso
Pensieri Opere e Ossessioni
Hobby Links e Amici
Cantattami
[Astolfo sulla luna] ...fu condotto
in un Vallon tra due montagne istretto,
dove mirabilmente era ridotto
ciò che si perde o per nostro difetto,
o per colpa di tempo o di Fortuna:
ciò che si perde qui, là si raduna.

[...]
Molta fama è lassù, che, come un tarlo,
il tempo al lungo andar quaggiù divora:
lassù infiniti prieghi e voti stanno,
che da noi peccatori a Dio si fanno.

Le lacrime e i sospiri degli amanti,
l'inutil tempo che si perde al giuoco.
e l'ozio lungo d'uomini ignoranti,
vani disegni che non han mai loco,
i vani desidèri sono tanti,
che la più parte ingombran di quel loco:
ciò che insomma quaggiù perdesti mai,
lassù salendo ritrovar potrai.

[...]
Vide gran copia di panie con visco,
ch'erano, o donne, le bellezze vostre.
Lungo sarà, se tutte in verso ordisco
le cose che gli fur quivi dimòstre;
che dopo mille e mille io non finisco,
e vi son tutte l'occurrenze nostre:
sol la pazzia non v'è poca né assai;
che sta quaggiù, né se ne parte mai.

(Ariosto, "Orlando Furioso" XXXIV, 73-81)
Google
(a different point of view)

Sito sviluppato da
Arturo Villone
© 2007